Cantiere
Pubblicato il 04/12/2014 · Categoria News · Autore giuseppe seminara
L’art. 28 del D. Lgs. sulle semplificazioni fiscali, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 28 novembre scorso, con entrata in vigore dal 13 dicembre p.v., ha abrogato il regime della solidarietà fiscale tra appaltatore e subappaltatore (previsto dall’art. 35, commi da 28 a 28-ter del D.L. 223/2006).

Secondo tale regime, in caso di appalti di opere o di servizi, l’appaltatore rispondeva in solido con il subappaltatore, nei limiti dell’ammontare del corrispettivo dovuto, del versamento all’Erario delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente e dell’IVA (già cancellata dal DL 69/2013) dovuta dal subappaltatore in relazione alle prestazioni rese nell’ambito del rapporto di subappalto.

La normativa, inoltre, stabiliva che il committente e/o l’appaltatore non poteva provvedere al pagamento del corrispettivo dovuto rispettivamente all’appaltatore e/o al subappaltatore se quest’ultimo non esibiva la documentazione attestante il corretto versamento delle ritenute fiscali e dell’IVA, pena l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria di importo compreso tra 5.000 e 200.000 euro.

Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del Decreto sulle semplificazioni fiscali, verrà meno la responsabilità solidale negli appalti tra appaltatore e subappaltatore per le ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente. I committenti e gli appaltatori non saranno più costretti a richiedere la certificazione di regolarità dei versamenti delle ritenute  sui redditi dei dipendenti prima di procedere al pagamento del corrispettivo, evitando quindi di incorrere nella sanzione da 5.000 a 200.000 euro in precedenza prevista.

Tuttavia, resta in vigore la solidarietà retributiva e contributiva dei committenti e degli appaltatori, i quali dovranno richiedere il rilascio del DURC per verificare la regolarità contributiva e, in caso d’inerzia dell’appaltatore e/o del subappaltatore, dovranno provvedere al pagamento dei dipendenti impegnati nell’appalto.