Auto 2
Pubblicato il 20/04/2015 · Categoria Circolari e News · Autore Studio Seminara

Per poter stabilire l’IVA da applicare nella fattura di vendita di autovetture, motocicli e ciclomotori usati nell’ambito dell’attività d’impresa o di lavoro autonomo, bisogna far riferimento al tipo di trattamento subito dagli stessi beni all’atto dell’acquisto. Le regole, infatti, variano a seconda delle  specifiche casistiche.

- Vendita di autoveicolo nuovo per il quale non è stata detratta l’IVA, in quanto acquistato con indetraibilità al 100% vigente fino al 31/12/2000: non si applica l’IVA in fattura, poiché l’operazione si configura come esente ai sensi dell’art. 10 n. 27 quinquies DPR 633/72;

- Vendita di autoveicolo nuovo per il quale è stata detratta integralmente l’IVA: in fattura si applica l’aliquota IVA vigente al momento della vendita (attualmente al 22%);

- Vendita di autoveicolo nuovo per il quale è stata parzialmente detratta l’IVA: la base imponibile su cui applicare l’IVA va calcolata in proporzione alla percentuale di detrazione dell’IVA applicata sull’acquisto e l’aliquota da applicare è quella corrente al momento della vendita (attualmente al 22%);                                                                                       EsempioAcquisto di autoveicolo per uso promiscuo con detrazione dell’IVA al 40%.                                                                 Al momento della rivendita, verrà applicata l’aliquota IVA del 22% su un importo pari al 40% del prezzo di vendita (IVA esclusa).

tabella auto usate (new)

- Vendita di autoveicolo acquistato con l’applicazione del regime del margine: questo caso si applica soprattutto ai soggetti che rivendono beni usati, i quali emettono fattura senza esporre l’IVA e indicando come riferimento l’art. 36 del DL 41/95;

- Vendita di autoveicolo acquistato da un soggetto che applica un regime forfettario (contribuenti minimi o in franchigia): all’atto della rivendita bisogna applicare il regime del margine e la fattura deve contenere l’indicazione “Operazione soggetta al regime del margine ai sensi dell’art. 36 del DL 41/95”;

- Vendita di autoveicolo per il quale è stato richiesto il rimborso dell’IVA (entro il 20/10/2007): la detrazione dell’IVA all’atto dell’acquisto si considera effettuata nella misura del 40%, pertanto all’atto della rivendita bisogna calcolare la base imponibile sul 40% del corrispettivo;

- Vendita di autoveicolo acquistato in precedenza da un soggetto privato con IVA non esposta in fattura: bisogna calcolare l’IVA scorporando l’aliquota vigente sulla differenza tra il prezzo di vendita e quello di acquisto dell’autoveicolo, con l’indicazione in fattura “Operazione soggetta al regime del margine di cui all’art. 36 del DL 41/95”.